Mese: maggio 2017

10 motivi per provare Linux

Anche se non è certamente il sistema operativo più popolare, con le sue centinaia di distribuzioni diverse, Linux è senza dubbio il più versatile. Basta farsi un giro su Google per trovare la distribuzione che fa al caso nostro. Ma se questo non bastasse, noi vogliamo darvi 10 buoni motivi per provarlo. 1. È gratuito! Sappiamo tutti i costi di Windows. Certo, Microsoft ha offerto un upgrade gratuito di Windows 10, ma quest’offerta è finita e ora, se vuoi una copia, devi acquistarlo. Linux è offerto in modo completamente gratuito e puoi scaricarlo e installarlo ogni volta che vuoi...

Continua a leggere

Open data a scuola: in Argentina è realtà

Come possono gli adolescenti essere autorizzati a generare e utilizzare i dati sulle loro comunità? Questa è una cosa che abbiamo affrontato recentemente nel team Open Data and Innovation del governo argentino, con il loro programma e l’applicazione Porta gli Open Data a Scuola. Il problema Gli open data sono utili solo se vengono utilizzati. Ecco perché facciamo tutto il possibile per collegare gli open data con i cittadini, aiutandoli a rendersi conto che essi sono una risorsa potente per capire il proprio ambiente e per prendere decisioni migliori ogni giorno. Riteniamo che gli open data potrebbero essere particolarmente utili per...

Continua a leggere

Critica dall’Inghilterra: servono più risorse per i progetti open data

Nel 2016, gli open data sono stati nodali per un numero crescente di progetti in tutto il mondo. Durante tutto l’anno, le iniziative nate grazie agli open data hanno tentato di cambiare l’industria bancaria, hanno fatto passi avanti per ottenere una Londra più attenta alle esigenze di tutti e hanno combattuto “superinfezioni” attraverso la registrazione in tempo reale della resistenza agli antibiotici. Come sta crescendo l’ecosistema degli open data nel 2017? Abbiamo chiesto a un esperto di dirci come sarà il resto di quest’anno. A parlare è Sir Nigel Shadbolt, preside del Jesus College di Oxford e presidente e co-fondatore dell’Open...

Continua a leggere

Ubuntu e Bash su… Windows 10!?

Questa versione beta di Windows 10 è il precursore del prossimo aggiornamento principale di Windows 10: Windows 10 Redstone 1 (Aggiornamento annuale). Tale versione, AKA Windows 10 SP1, uscirà questa estate. Nel frattempo, Ubuntu e la shell Bash, restano facoltativi. L’unica cosa “Linux” installata per impostazione predefinita è il sottosistema Windows per Linux (WSL). Per dare a WSL una possibilità, la prima cosa da fare è diventare un Windows Insider. Quindi, devi passare il tuo sistema Windows 10 alla modalità Fast Ring. È possibile eseguire questa operazione scegliendo “Impostazioni di sistema> Opzioni avanzate di Windows Update” e selezionando l’estensione dell’aggiornamento dell’inserzione...

Continua a leggere

Linux Ubuntu 17.04: le prime impressioni

Da qualche settimana è disponibile al download l’ultima versione di Ubuntu. L’interfaccia grafica, come si nota subito, è sempre Unity, completa delle più recenti funzionalità. Questa versione di Ubuntu ha anche sostituito l’antica partizione di swap di Unix / Linux con un file di swap. L’effetto netto dovrebbe essere quello di rendere Ubuntu un po’ più veloce in situazioni in cui il sistema è sovraccaricato di applicazioni e deve ricorrere all’utilizzo dello spazio di unità al posto della memoria. Il nuovo desktop supporta anche le nuove stampanti “senza driver”. Le quali comprendono stampanti IPP Everywhere e Apple AirPrint. Quando si...

Continua a leggere
  • 1
  • 2