CONDIVIDI
anthos coud

Si chiama Anthos ed è la prima cloud di Google.

Anthos, il progetto presentato nella giornata di oggi si pone come obiettivo la gestione di vari portali cloud.

In questo modo l’utente potrà interagire con una seire di servizi e di piattaforme che vedno una collaborazione tra le principali case che forniscono servizi cloud, come Amazon e Google.

Urs Holtze ha parlato così:”quella che presentiamo oggi è la piattaforma che sarà il punto di riferimento per il prossimo 20 anni. Essa rappresenta il modo con cui i tre principali servizi cloud – insieme con le configurazioni on-premises – diventano una cosa sola“.

Anthos si basa su Google Kubernetes assieme ad altri prodotti opensource.

Quella di Google è una risposta decisa a tutti coloro che si trovano in difficoltà a gestire dei servizi cloud ibridi.

Anthos, punta a unificare i servizi e rendere l’esperienza più semplice e fruibile, un’innovazione davvero intelligente che sembra portare la grande G nel futuro.

Non dimentichiamo di come Google abbia già preso da tempo l’intuizione del cloud, dandosi in tutto e per tutto alla tecnologia con innovazioni e enormi investimenti.

Con Anthos potremmo trovarci di fronte al Chrome del mondo Cloud.

Un piattaforma fondamentale che verrà utilizzata per utilizzare servizi di parti terze così come esclusive Google.

Anthos vanta inoltre i supporto di 30 produttori di Hardware così come di svariati produttori di software (Cisco, Dell EMC, HPE, VMware) e di applicazioni Confluent, Datastax, Elastic, Portworx, Tigera, Splunk, GitLab e MongoDB.

Quella presentata oggi potrebbe non essere una notizia sconvolgente per gli utenti meno attenti al mondo dell’informatica.

Possiamo assicurarvi però che Anthos farà il giro del mondo e diventerà una piattaforma fondamentale nella nostra quotidianità.

Ancora una volta Google dimostra una lungimiranza comune e pochi e si afferma come una delle aziende tech leader del mercato globale dei servizi e dell’informatica.


Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here