CONDIVIDI
big data cosa sono

Sempre di più i vari media mondiali parlano dei così detti Big Data, ma cosa sono di preciso?

L’idea delle persone relativa ai big data è piuttosto vaga, il termine diventa così una parola e poco di più per moltissimi utenti. Poco chiaro è soprattutto come i big data possano diventare una risorsa, avere un valore di miliardi di euro e in che modo vengano effettivamente impiegati.

Senza cadere nel tecnico basterà iniziare col dire che i big data, altro non sono che enormi masse di dati. Questi dati vengono generati da ogni interazione da noi svolta attraverso apparecchi che registrano attività. Si parla di quindi di utilizzo di carte di credito, acquisti online, navigazione, canali sui quali ci sintonizziamo, così come movimenti tracciati dal gps. Immaginate tutte le tracce che lasciate nella rete, all’interno degli uffici pubblici, alle poste, così come nei bancomat, mettete tutto insieme e avrete i big data.

Questi dati sono di importanza cruciale nel settore del marketing, permettono infatti di capire le tendenze del mercato e di scoprire gli interessi più reconditi degli utenti. Il loro utilizzo è però molteplice, i big data fanno gola anche in politica, mostrano infatti, più o meno cosa la gente vuole e soprattutto cosa vuole sentirsi dire.

I big data diventano poi occasione di trasparenza quando si parla di mettere online in chiaro, tutti i dati di questo genere prodotti da pubbliche amministrazioni e governo.

I dati inoltre hanno un valore. Esistono infatti gruppi che acquistano blocchi di e-mail da sfruttare a scopo promozionale, così come la vendita di abitudini registrate su siti web, e così via. I dati diventano così il mercato del futuro, proprio come accadeva nei romanzi cyberpunk, inoltre la capacità di elaborare i dati generando così teorie e conclusioni, sembra essere il mercato emergente che nei prossimi anni crescerà a dismisura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here