Nel 2016, gli open data sono stati nodali per un numero crescente di progetti in tutto il mondo. Durante tutto l’anno, le iniziative nate grazie agli open data hanno tentato di cambiare l’industria bancaria, hanno fatto passi avanti per ottenere una Londra più attenta alle esigenze di tutti e hanno combattuto “superinfezioni” attraverso la registrazione in tempo reale della resistenza agli antibiotici.

Come sta crescendo l’ecosistema degli open data nel 2017? Abbiamo chiesto a un esperto di dirci come sarà il resto di quest’anno.

A parlare è Sir Nigel Shadbolt, preside del Jesus College di Oxford e presidente e co-fondatore dell’Open Data Institute.

«Il Regno Unito è stato in cima all’albero degli open data finora. Ma nel 2017 rischiamo di perdere il nostro posto mentre altri ascendono, come ad esempio l’Australia, che apre la sua mappa e i suoi indirizzi, e la Francia, che ha recentemente regolamentato i dati nel suo disegno di legge sulla repubblica digitale. Vorrei che il governo britannico investisse nell’infrastruttura dei dati. Così come costruisce e mantiene le infrastrutture fisiche, come le reti di trasporto, deve investire nella costruzione, nel mantenimento e nell’apertura di dati importanti, dalle liste di società legalmente costituite, dalle procedure NHS, dagli indicatori ambientali, alle mappe, agli indirizzi legali, agli orari e alle tariffe.

Troppe infrastrutture dei dati sono attualmente inaffidabili, inaccessibili o disponibili solo per coloro che possono pagare. Gli innovatori lottano per ottenere i dati necessari, mentre molti cittadini non si sentono autorizzati ad accedere e utilizzare i propri dati. Dobbiamo migliorare le competenze dei dati in tutta la società, in modo che i responsabili politici, le imprese e i cittadini possano interpretarli e usarli bene.

Voglio anche vedere più responsabilità algoritmica: maggiore trasparenza intorno agli algoritmi che modellano i servizi e le informazioni. Dobbiamo capire come il software sta decidendo su cosa abbiamo bisogno e quando, per giudicare se sta rispettando i nostri interessi. Il settore commerciale deve essere più trasparente, come dovrebbe esserlo il governo se comincia ad utilizzare algoritmi per indirizzare e determinare i servizi pubblici che fornisce ai cittadini.»