CONDIVIDI
Facebook spy spia conversazioni

Nel mondo Facebook la tensione è sempre più alta.

L’azienda è in crisi con i suoi dipendenti, inoltre nonostante il successo planetario di Instagram, Facebook non va per niente bene e continua a collezionare insuccessi, tanto che in molti pensano che lentamente verrà sostituito dal suo fratellino minore.

Interessante è però la notizia che arriva dagli USA, dove si scopre come i dipendenti Facebook stiano utilizzando telefoni di vecchia generazione per parlare tra di loro, per paura di essere tracciati e spiati dalla compagnia.

“È lo stato d’animo del bunker – spiega uno dei dipendenti intervistati- Queste persone sono sotto assedio da 600 giorni. Sono stanche e irritabili. C’è un crescente senso di paranoia”.

E’ un “periodo difficile”. “Siamo più determinati che mai a continuare a fare progressi sui problemi che abbiamo affrontato”: parla così il portavoce di Facebook che risponde alla notizia di Buzzfeed.

L’elemento interessante però è legato alla sicurezza e a eventuali violazioni dell’azienda di cui non siamo a conoscenza.

La scelta di utilizzare vecchi telefoni potrebbe essere una semplice e paranoica precauzione, ma potrebbe anche far pensare a cose che i dipendenti conoscono e gli utenti medi no.

E’ possibile Facebook possa tracciare le telefonate o attivarsi di fronte a determinate parole chiave? Questo non possiamo saperlo, di sicuro però la scelta di utilizzare telefoni alternativi da parte dei dipendenti in crisi con l’azienda darà spazio alle più fantasiose teorie del complotto.

Nel frattempo l’ex colosso dei social sembra sempre più lasciato a sé stesso. I server sono spesso molto lenti e i like stanno a dir poco precipitando, tanto che lo stesso marketing sulla piattaforma, sta diventando davvero obsoleto.

Facebook è stato il primo grande successo social, ma dopo più di dieci anni, sembra che la festa sia finita per Zuckerberg e gli altri. Poco male, si consoleranno con Instagram, già capace di creare tendenze e modificare la realtà che viviamo.


Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here