CONDIVIDI

Elon Musk è ormai protagonista del programma spaziale americano, ed eccolo a presentare una grande innovazione che potrebbe rivoluzionare totalmente la colonizzazione di nuovi pianeti.

Dopo avere annunciato lo studio su un collegamento celebrale tra uomo e macchina, Elon Musk, CEO di Tesla e di Space X, torna con il suo Starship, razzo che effettuerà il suo primo volo orbitale nei prossimi sei mesi.

Starship avrà un equipaggio umano e punta, non solo a Marte, ma a diversi pianeti dell’universo.

Un mezzo ad altissima tecnologia destinato a cambiare le sorti dell’esplorazione dello spazio e che dimostra come, in pochissimi anni, Musk sia riuscito a creare qualcosa che nemmeno uno Stato come gli USA erano riusciti a fare da soli.

La navicella Starship misura 50 metri di altezza ed ha un diametro di 9.

A darle potenza ci saranno i motori Raptor utlizzati anche con il prototipo Starhopper. 

La navicella potrà portare nello spazio decine di passeggeri, proprio come nella fantascienza.

Non ci troviamo infatti di fronte a una capsula come quelle utilizzate dai classici astronauti ma a un mezzo gigantesco che potrebbe portare a bordo passeggeri non addestrati.

Il primo civile a volare con Starship sarà il miliardario giapponese Yusaku Maezawa.

Per Musk, il nuovo razzo è il Santo Graal del programma spaziale.

La caratteristica fondamentale per dirci veramente una civiltà spaziale è quella di rendere il viaggio nello spazio semplice e alla portata di tutti come un viaggio in aereo

Le operazioni di lancio avverranno nel villaggio di Boca Chica, in Texas.

Si è parlato molto dei pericoli della sperimentazione del razzo, cosa che non è piaciuta alla popolazione del villaggio.

Ed ecco che Musk commenta:

Penso che il livello di pericolo per il villaggio di Boca Chica sia basso, ma basso non significa che sia trascurabile. Credo che la soluzione migliore per il futuro sia quella di acquistare tutte le proprietà del villaggio”.

Il razzo di Musk potrebbe rivoluzionare davvero il viaggio spaziale e trasformare il sogno di esplorare nuovi pianeti e colonizzare altri mondi davvero possibile.

Una specie di miracolo che speriamo sia un successo al momento del lancio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here