CONDIVIDI
algoritmo facebook

Facebook fa un grande passo per il mondo tech.

Il social infatti ha iniziato a spiegare la natura dei suoi algoritmi, svelando di fatto il funzionamento della sua “SEO” interna.

Grazie al nuovo strumento “Perché vedo questo?” starà possibile scoprire le motivazioni che hanno portato la piattaforma a mostrarci determinati contenuti.

Non ci sarà più mistero sulla visualizzazione di pubblicità a contenuti che non ci interessano e capiremo finalmente perché continuiamo a visualizzare determinati elementi.

In questo modo l’utente avrà la possibilità di cambiare quello che vede, agendo sulle pagine seguite e tornando il vero proprietario, o almeno gestore del suo account Facebook.

“Gli utenti hanno fatto presente che la trasparenza negli algoritmi sul flusso delle notizie non è sufficiente senza poter fare controlli e intervenire. Il feedback delle persone ci ha anche aiutato a determinare quali informazioni specifiche sono più preziose da evidenziare”, parla così Ramya Sethuraman, Product Manager di Facebook. “Non pensiamo che questo risolverà tutto, ma ci stiamo provando”.

Una interessante novità che potrebbe far riavvicinare moltissimi utenti al social blu.

Facebook infatti negli ultimi anni, ha conquistato il podio dell’odio nel cuore di milioni di persone, considerato un social invasivo e poco etico.

La trasparenza potrebbe essere il primo passo in una direzione nuova, oltre che in una fruizione più piacevole dei contenuti e dell’esperienza social.

Come sempre, la trasparenza premia ed ecco che gli algoritmi del più famoso social del mondo diventano qualcosa di comprensibile e pubblico.

Staremo a vedere se il cambiamento influenzerà davvero il modo in cui viviamo la piattaforma.

Non possiamo però che prendere atto dello sforzo del social, e apprezzare il loro primo passo in una direzione dell’universo social che deve necessariamente cambiare.

Finalmente avremo la possibilità di eliminare alla radice fastidiosi post e pagine che ci disturbano e che continuano magari a comparire sulla nostra dashboard.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here