CONDIVIDI
wikipedia copyright

Dato che parliamo di open data, open source e libertà sul web, la tematica della nuova legge sul copyright in discussione presso il parlamento europeo è un tema davvero caldo. In questi giorni infatti si discute un controverso regolamento che potrebbe portare le leggi del copyright che conosciamo per gli altri media, anche sul web, andando secondo molti, a imbavagliare la rete, lasciando libertà di azione solo alle entità economiche più potenti, in grado quindi di pagare per ogni contenuto, link o quant’altro inoltrato e di affrontare eventuali cause legali.

Questa situazione ha portato addirittura Wikipedia e mobilitarsi, oscurando il sito in Europa e chiedendo agli utenti di telefonare agli eurodeputati per far conoscere il loro dissenso.

Il pericolo che si nasconde dietro alla regolamentazione del copyright fortemente voluta in particolare dalle testate giornalistiche che credono come causa del loro declino gli aggregatori di notizie e i social, sta proprio nella lesione che ne deriverebbe alla libertà di espressione sulla rete.

Ci ritroveremmo in una situazione dove ogni singolo contenuto che utilizziamo per commentare, postare, condividere e altro, dovrebbe essere di nostra proprietà, pagato o in alternativa eliminato. Oltre a una enorme ristrutturazione di praticamente ogni sito, blog, pagina social esistente, ci troveremmo nella situazione di una impossibilità generale di utilizzare qualsivoglia immagine, foto, testo, video ecc. ecc.

Una specie di apocalisse della rete che difficilmente pare reale sia stata pensata e proposta e che rischi, il 5 Luglio addirittura di passare al Parlemento Europeo. La situazione è piuttosto preoccupante tanto da aver visto una crescita dell’allarme oltre che una notevole sorpresa di fronte a una mossa autoritaria da parte di quella Unione Europea che, almeno a sua detta, dovrebbe predicare democrazia e libertà di espressione.

Sapremo di più sul futuro di questa legge nei prossimi giorni, di sicuro però in un’era dove si parla di open data, libertà e trasparenza, la nuova legislazione sembra remare in senso contrario, quasi in un tentativo estremo di fermare questo strumento che è il web, totalmente anarchico e incontrollabile.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here