CONDIVIDI
rischi internet delle cose

La rivoluzione dell’internet delle cose è già iniziata e nei prossimi anni si prevedono sempre più dispositivi connessi e internconnessi attraverso un nuovo modo di distribuire la rete, coinvolgendo in modo diretto i più svariati dispositivi.

Ecco che anche il nostro sistema elettrico, la cucina, lo scaldabagno e così via, entreranno in connessione dando vita a una immensa rete, non priva però di fragilità, dato che, come spiegato durante la Usenix Security Conference di Baltimora, questo sistema potrebbe essere utilizzato per pesanti attacchi informatici in grado di colpire la rete elettrica nazionale.

Gli esperti di cybersicurezza hanno simulato una serie di attacchi che prevedono il controllo di vari dispositivi da parte degli hacker.

Con il controllo dei dispositivi, gli hacker avrebbero la possibilità di gestire la domanda di energia, creando volontariamente black out e danni strutturali.

“Le reti elettriche sono stabili se l’offerta è uguale alla domanda – ha spiegato sulla rivista Wired Saleh Soltan, uno dei ricercatori -. Con una grande rete di dispositivi Iot si può veramente manipolare la domanda, cambiandola improvvisamente, in qualunque momento”.

Questa fragilità potrebbe arrestare la diffusione dell’IOT o, peggio ancora, esporre la società a rischi inaspettati soprattutto da parte di attacchi massicci guidati da gruppi terroristici o da infrastrutture statali.

Il mondo dell’iperconnessioni non è tutto rose e fiori e, ogni giorno, emergono nuovi rischi e nuove preoccupazioni che dovrebbero forse portare l’industria a una riflessione.

Sicuramente le centrali nucleari e gli edifici più a rischio vedranno un occhio di riguardo da parte delle autorità e non saranno magari centralizzati sulla rete totale, l’internet delle cose però, sta avanzando sempre più rapidamente e non si vede sotto il punto di vista sicurezza, un’altrettanta rapidità e capacità di rispondere alle minacce.

I danni possibili con il controllo delle reti elettriche vanno infatti da semplici disservizi a blackout e incendi, elementi sui quali bisognerebbe riflettere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here