CONDIVIDI
Sleep texting patologia dipendenza

Cresce il numero di persone che si connettono ai dispositivi elettronici nel cuore della notte interagendo e scrivendo senza rendersene conto.

Una forma di sonnambulismo digitale che porta molti ragazzi a utilizzare i loro device anche nel sonno.

Si chiama ‘sleep texting‘, ed è una nuova patologia legata all’uso (e all’abuso) di smartphone e web. Secondo una ricerca svolta su un campione di ragazzi presso un college americano, dopo l’invio di vari testi nel cuore della notte: “la maggior parte non aveva memoria del fatto di aver inviato messaggi o del loro contenuto.

Il fatto di non ricordare non è sorprendente, poiché la ricerca sul sonno ha scoperto che le persone che si svegliano dopo aver dormito per più di qualche minuto non sono in grado di ricordare i minuti prima di addormentarsi”.

Almeno il 25% degli studenti campioni hanno inviato messaggi nel sonno, un numero altissimo che conferma la preoccupazioni.

Lo sleep texting è un problema che non va sottovalutato. Va infatti ad incidere sul rendimento delle persone e sulla qualità del sonno. I social e il loro contenuti, così come i programmi di messaggistica istantanea stanno diventando una vera ossessione, in particolare per i più giovani che si ritrovano costantemente bombardati dai nuovi contenuti e dalla necessità fisiologica di vederli, paragonabile a una vera e propria dipendenza.

La presenza di un device elettronico nei pressi del letto, deteriora il sonno. Tutti elementi sui quali sarà necessario investigare per iniziare un lavoro volto a migliorare la qualità della vita digitale e a ridurre l’impatto negativo che le nuove tecnologie stanno avendo sulla qualità della vita.

Il mondo smart infatti sembra nascondere delle problematiche che emergono solo dopo anni.

Per invertire la rotta è ormai tardi, resta comunque la speranza di vedere un miglioramento di queste situazioni al limite, tristemente sempre più diffuse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here