CONDIVIDI
Instagram

Nel campo social Facebook è stato fino ad oggi il leader dell’ambito marketing. Dotato di uno straordinario strumento pubblicitario, quello delle inserzioni a pagamento, Facebook permette i promuovere pagine e singoli post, in modo assolutamente semplice e, soprattutto incredibilmente economico. Ecco però che negli ultimi mesi abbiamo visto grossi cambiamenti nelle politiche del social, oltre che un certo calo di interesse da parte dell’utenza. Le pagine per esempio non appaiono più come prima ma devono essere selezionate dall’utente, che si trova in alternativa una home che privilegia amici e parenti. Moltissimo lavoro di marketing si ritrova così leggermente azzoppato, tanto da vedere milioni di utenti puntare sul più giovane e rapido Instagram.

Facciamo un esempio pratico, un post facebook scritto da una pagina poco seguita, otterrà al 99% un massimo di due o tre like, nessun click, e scarsa permanenza davanti al contenuto.

Un profilo appena creato su Instagram, sfruttando i giusti hashtags e il contenuto più adatto, verrà invece immediatamente valorizzato dagli utenti, tra like e addirittura follow.

Diventa evidente come la potenza dell’immediatezza di Instagram non possa essere sottovalutata da chi cerca nuove strategie di marketing, e da chiunque voglia spingere al massimo la sua immagine web.

Certo Instagram è dedito alla velocità e poco si presta per l’inserimento di link e i testi troppo lunghi. La certezza però è che giocando con la fantasia, scrivendo magari direttamente sotto le immagini, così come realizzando brevi clip, il social rampante per eccellenza potrebbe diventare una delle fonti di guadagno e di attenzione verso i nostri prodotti più interessanti dei prossimi anni.

Senza dimenticare l’intenzione del social di creare il suo personale e-commerce con la possibilità di vendere direttamente per mezzo della piattaforma.

Facebook è ancora più vivo che mai, ma chi fa del web marketing la sua forza e la sua professione, dovrebbe iniziare a studiare e capire il “nuovo” social le cui prospettive sono molto più ampie del fratello maggiore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here