CONDIVIDI
Apple

Un cittadino statunitense ha querelato Apple per un miliardo di dollari.

Secondo il giovane infatti, Apple avrebbe permesso di collegare il suo volto a quello di un ladro che non era in realtà lui causandone l’arresto oltre al profondo danno di immagine e morale.

 Bah, questo il nome del cittadino è stato arrestato il 29 novembre nel cuore della notte.
La foto del colpevole poco aveva a che vedere con Bah, la polizia l’ha comunque prelevato di forza da casa e arrestato.
Bah aveva inoltre un alibi di ferro, al momento del furto all’Apple Store del quale viene accusato, Bah si trovava a un ballo di fine anno della scuola.

Ecco le parole dell’avvocato del giovane che stanno facendo il giro del web: “Come conseguenza della negligenza di Apple, il ragazzo è stato accusato di molteplici crimini in più stati. Prima di questa azione, il signor Bah non ha mai dovuto affrontare spese legali e non ha mai avuto problemi con le forze dell’ordine. Per questo errore, Bah ha subito gravi danni morali e materiali, visto che l’arresto lo ha fatto sentire umiliato, spaventato e profondamente preoccupato“.

Secondo gli investigatori, il vero ladro avrebbe utilizzato i documenti di Bah per farsi identificare dopo il furto, dando vita a una situazione paradossale.

Quello che è certo è che il giovane si è trovato in guai seri senza avere in realtà compiuto alcun reato.

La richiesta di risarcimento colpisce Apple oltre al servizio di sicurezza che gestisce i suoi store.

Di sicuro la somma sarà ridotta, le accuse a Bah sono però pesanti e potrebbero danneggiare in modo permanente la sua persona, cosa che potrebbe costringere Apple o i responsabili dell’errore a risarcire il ragazzo per milioni di dollari.

La notizia è un precedente che farà molto parlare, rimane inspiegabile come sia accaduto un disguido di questo calibro con evidenti prove fotografiche.


Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here