CONDIVIDI

Si chiama Strajob, creata dalla startup Lex&Bit e voluta dalla Cisl della Lombardia. Consente di registrare i dati di arrivo e di uscita dal lavoro, informazioni che potranno essere usate dal lavoratore nel caso di una contestazione.

Grazie al sistema di geolocalizzazione che registra orari di ingressi e uscite, riporta le ore trascorse nel luogo di lavoro per contrastare il lavoro nero, finti part-time e straordinari non pagati. È questo lo scopo dell’applicazione Android Strajob. Questa applicazione parte in maniera sperimentale dalla Lombardia per poi essere estesa, mediante la Cisl, su tutto il territorio nazionale. Il segretario regionale della Cisl Lombardia, Mirko Dolzadelli, ha dichiarato: «Vogliamo fornire uno strumento semplice, funzionale, accessibile per tutti quei lavoratori che vivono una condizione di sfruttamento».

Come funziona l’App Strajob

Strajob permette di registrare la presenza nel luogo di lavoro del dipendente, mediante un sistema di localizzazione GPS. In ipotesi di diverbio con il datore di lavoro, i tabulati con i dati raccolti vengono poi scaricati per essere usati in contrasti legali.

Strajob si può usare su smartphone con sistema operativo Android e può essere scaricata da Google Play Store. Nel momento in cui viene installata, bisogna scrivere l’indirizzo in cui si presta il proprio lavoro e specificare gli orari del proprio turno lavorativo. Successivamente, Strajob provvede in modo automatico a registrare quanto tempo si è passato realmente al lavoro.

L’App Strajob non è gratuita, tuttavia registrandosi sul sito Cisl Lombardia (www.lombardia.cisl.it) si può avere un codice sconto (anche se non si è iscritti al sindacato) che consente di avvalersi dell’utilizzo gratuito della App per 6 mesi e di tariffe convenzionate per l’elaborazione dei dati raccolti.

La Cisl avverte che Strajob è utile per fornire prove, ma non raffigura uno strumento sufficiente per intraprendere una causa di lavoro, serve invece quando una causa è già avviata. Ciò viene lasciato intendere, poiché sino ad oggi, l’App non è stata adoperata in alcun contenzioso di lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here