CONDIVIDI

Per combattere il bullismo e diffondere messaggi positivi tra i giovani, un religioso americano Robert Ballecer, ha proposto di aprire un server del Vaticano dedicato a uno dei giochi più diffusi di sempre, Minecraft.

Il suo obiettivo è quello di raggiungere i giovani e di diffondere un messaggio di solidarietà, uguaglianza e amicizia.

Per farlo utilizzerà uno dei titoli più noti e amati del mondo, Minecraft, capolavoro di Mojang in grado di catalizzare l’attenzione di generazioni e generazioni.

La scelta del titolo, è arrivata dopo un sondaggio effettuato dal parroco su Twitter.

Il 64% dei voti che suggerivano al sacerdote di promuovere questa iniziativa sul sandbox creato da Mojang.

Il titolo ha quindi avuto la meglio rispetto a titoli come RustArk: Survival Evolved e Team Fortress 2.

Adesso quello che resta da fare è convincere il Vaticano ad aprire il server ufficiale.

Minecraft è un titolo non violento e adatto ai più piccoli basato sulla sopravvivenza e sulla costruzione.

La scelta del gioco è stata oculata e il server del Vaticano potrebbe davvero diventare realtà.

Una decisione molto interessante quella del parroco che sta facendo il giro del web.

Staremo a vedere se ci saranno delle novità sulla questione, nella speranza che il sogno videoludico del parroco USA venga realizzato.

Resta da capire in che modo Minecraft verrà utilizzato per combattere il bullismo, forse realizzando strutture informative all’interno del server? O creando una community di qualche genere?

Minecraft infatti è un titolo che lascia molto spazio alla libertà del giocatore e difficilmente controllabile.

Staremo a vedere.

Di sicuro si tratta di una iniziativa inedita e fuori dal comune.

Proprio per questo la risonanza mediatica sta crescendo a dismisura!

Minecraft è disponibile su praticamente ogni piattaforma, da PS Vita a 3ds, passando per PC, sistemi Android, IOS, PS4, XboxOne (incluso anche nel Game Pass) e Nintendo Switch.


Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here