I PAs – Personal assistants sono continuamente usati e odierni nella quotidianità della maggior parte di persone. Quindi, con l’affermarsi sempre più di questa tendenza, l’ottimizzazione della ricerca vocale risulterà uno degli aspetti importanti su cui si appoggerà il SEO del futuro.

Tipici esempi sono: Siri che da tempo ormai fa parte del mondo iOS, oppure Google Assistant, ambedue capaci di fornire valide informazioni per mezzo di un semplice comando vocale.

Gli assistenti virtuali possono essere adattati in qualunque dispositivo elettronico capace di connettersi alla rete (come ad esempio un computer, vari elettrodomestici, e via dicendo…) però il loro vero e proprio punto di forza, rimane il fatto di essere consultabili in qualunque luogo, mediante i device mobile. La maggior parte degli utenti usa la ricerca vocale in movimento, e ciò fa in modo che le informazioni o indicazioni rimangano sempre geolocalizzate, con lo scopo di dare la risposta che si desiderava.

Gli assistenti personali sono capaci di fornire risposte attinenti e utili in base ai bisogni delle persone. Per fare ciò, e attenersi con le aspettative degli utenti, gli assistenti digitali presentano un’intelligenza artificiale, e il progredire di questa innovazione tecnologica impegna un futuro sempre più smart per i PAs.

Una delle particolarità che diversifica la ricerca vocale dalla ricerca testuale, sta nella semplicità e disinvoltura del linguaggio usato dagli utenti. Generalmente cambia la maniera di relazione delle persone con i dispositivi elettronici, poiché la tendenza sta nello stabilire una conversazione con il proprio smartphone usando query più prolungate e più annesse al naturale linguaggio.

Per ottimizzare i contenuti in ottica SEO volto alla voice search, occorre considerare sia la tipologia di domanda fatta dall’utente, sia il tipo di assistente che usa, perché ciascun sistema nasce per fare riferimento a risorse diverse per raccogliere i dati. Attualmente si parla ben poco della SEO indirizzata alle ricerche vocali, però i vari articoli che ne parlano, non sono altro che un sostegno competitivo se si comincia a spingere in questa direzione!