CONDIVIDI
quanto guadagna fortnite

Fortnite è ancora il gioco del momento e non sembra mollare la sua presa sui fan che anziché calare stanno crescendo mese dopo mese.

Il gioco è riuscito a conquistare specialmente i più piccoli, è infatti perlopiù composta da bambini anche molto piccoli la community immensa del colorato Battle Royale di Epic Games.

Colpo di genio del titolo è stato proporre un gioco completo, tripla A, in forma assolutamente gratuita.

I soldi entrano in campo quando vogliamo acquistare skin di vario genere così come cosmetici, pass stagionali e altri elementi che non influiscono sul gameplay.

Epic è riuscita in questo modo a offrire la stessa esperienza a tutti senza chiedere un centesimo e senza creare differenza tra chi paga e chi no.

secondo le indiscrezioni i profitti generati dal gioco di Epic Games sarebbe di circa 3 miliardi di dollari nel 2018.

Una somma di denaro incredibile, sulla quale Epic non sta però rilasciando dichiarazioni.

La compagnia preferisce mantenere i dati finanziari segreti e interni al proprio ambito di investimento.

Se a Fortnite aggiungiamo l’Unreal Engine, vera gallina dalle uova d’oro della compagnia e il neonato Epic Games Store che promette di dare del filo da torcere a Steam, va da sé che le cifre potrebbero essere ben maggiori dei tre miliardi, trasformando Epic Games in una delle compagnie più potenti e ricche del panorama tech.

Il conglomerato cinese Tencent possiede una partecipazione del 40% nella società, inoltre di recente numerose società hanno investito altri 1,25 miliardi di dollari all’inizio di quest’anno. Epic Games al momento dovrebbe avere un valore complessivo di 15 miliardi di dollari, una stima che potrebbe essere troppo bassa però se i guadagni di Fortnite sono davvero i milioni di dollari settimanali di cui si parla.

Nonostante le critiche e le accuse di un sistema che genera dipendenza, non possiamo accusare Epic.

La compagnia infatti ha di fatto regalato un gioco estremamente costoso visti i continui aggiornamenti e il mantenimento dei server.

Gli elementi a pagamento non sono assolutamente necessari e, soprattutto per godersi la parte premium del titolo basta un pass estremamente economico.

Se poi si finisce a spendere centinaia di euro per skin varie e gadget allora il problema va cercato altrove e sicuramente non all’interno di un videogioco gratuito.

Resta da vedere se Epic riuscirà a mantenere il titolo fresco e divertente, senza deludere l’utenza con novità magari eccessive, come accaduto con la infinity blade che rovinava di fatto il bilanciamento del gameplay.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here