CONDIVIDI
whatsapp truffa

Il fatto che Whatsapp sia l’app di messaggistica istantanea più scaricata al mondo con più di un milione di utenti attivi, la rende bersaglio di truffe, messaggi sospetti e catene di S. Antonio lanciate da persone senza scrupoli.

Ecco che quindi, a cadenza quasi giornaliera, ci troviamo a dover smascherare truffe di ogni genere e di ogni fattura messe in atto da gente senza scrupoli e disposte a tutto pur di rubare qualche spiccio alle persone.

Abbiamo parlato tante volte di questo tipo di truffe e, una volta arrivati, di cancellare immediatamente i messaggi senza aprire i link.

Purtroppo, però, molte persone ogni giorno cadono nella trappola di questi truffatori e si trovano costretti a fare i conti con i problemi più disparati.

Questa volta a farla da padrone è la psicosi del “Whatsapp a pagamento”.

Tutti noi almeno una volta in questi giorni, abbiamo ricevuto da qualcuno dei nostri contatti un messaggio contenente un link in cui veniva detto che da Febbraio Whatsapp sarebbe tornato a pagamento.

Attenzione perchè accedendo a quel link è probabile che mettiate a serio rischio la vostra privacy.

I truffatori le inventano tutte per riuscire ad accedere ai dati sensibili degli utenti e cliccando sul link è come dare l’autorizzazione a farlo senza problemi.

Alcuni utenti invece si sono visti prosciugare il credito, altri hanno trovato servizi a pagamento e abbonamenti non richiesti attivati sul proprio smartphone.

Insomma questi messaggi, alimentati da catene di S.Antonio, sono una piaga mondiale che rischia di fari seri danni agli utenti. E’ per questo che ribadiamo sempre che prima di aprire o condividere certi link è bene informarsi e non fare la parte degli analfabeti funzionali.

Whatsapp non tornerà a pagamento e anche se lo dovesse fare, sarebbe preceduto da un comunicato ufficiale e non da una catena di S. Antonio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here