CONDIVIDI

Il 2019 è stato un anno critico per la sicurezza informatica.

A confermarlo sono i rapporti degli ultimi 12 mesi che vedono almeno 174 istituzioni comunali prese di mira degli attacchi di tipo Ransomware.

Ad aggiungersi ai comuni troviamo oltre 3.000 organizzazioni collegate.

si tratta di un aumento del 60% rispetto al 2018, una cifra altissima che mostra quanto la situazione sia drammatica e i rischi di sicurezza informatica enormi.

Gli attacchi hacker potrebbero diventare un problema enorme per il nostro paese, al momento praticamente sguarnito di fronte ai principali strumenti utilizzati dal cybercrimine.

Quando questi attacchi prendono di mira le istituzioni, i rischi sono elevati dal momento che si tratta di infrastrutture centrali e di dati sensibili sia dei cittadini che delle istituzioni stesse.

I ransomware sono una delle minacce più gravi della rete.

Si tratta di software che bloccano i dati di un computer sotto una chiave cifrata.

Per ottenere la chiave e “liberare” il proprio PC, viene richiesto un riscatto, spesso molto elevato.

“Dalle nostre indagini è emerso che la tendenza dei Comuni a pagare il riscatto è giustificata dalla stipula di assicurazioni che coprono il costo dei rischi informatici o da budget precedentemente allocati per i servizi di incident response. Per evitare questi attacchi però, il migliore approccio consiste nell’investire in misure proattive: soluzioni di sicurezza e di backup collaudate e regolari controlli di sicurezza”, spiega Fedor Sinitsyn, security researcher di Kaspersky. 

A quanto pare quindi, gli attacchi ai comuni hanno visto una generale tendenza al pagamento dei riscatti.

Una scelta presa per la copertura assicurativa ma che incrementa il numero di attacchi e rende le pubbliche amministrazioni il bersaglio perfetto di questo tipo di attacco informatico.

Una situazione che evidenzia una mancata preparazione delle PA, oltre a sistemi difficili da proteggere, anche per carenze strutturali.

La sfida della sicurezza informatica è una delle battaglie dei prossimi anni che il nostro paese dovrà affrontare con grande attenzione.


Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here