CONDIVIDI
Amazon privacy

La questione privacy si fa ogni giorno più seria e sentita, ed ecco che arriva una notizia in grado di gettare una cattiva luce anche sul colosso dell’e-commerce Amazon.

Pare infatti che alcuni dipendenti abbiano venduto informazioni personali degli utenti in cambio di tangenti. L’area di interesse di questo tipo di operazioni sarebbe legata al continente cinese, dove alcuni impiegati Amazon avrebbero venduto di fatto i dati degli utenti ad altre aziende.

Le cifre si aggirerebbero tra gli 80 e i 2000 dollari, in particolare i dati di interesse sarebbero legati a vendite e comportamento degli utenti. Una situazione spiacevole che mette in difficoltà Amazon, dato che i dati che accettiamo di fornire all’azienda dovrebbero rimanere lì dove sappiamo che sono custoditi e non diventare merce di scambi privati.

Alcuni impiegati inoltre, con diritto di accesso al sistema, sarebbero stati pagati anche per eliminare le recensioni negativi di alcuni negozi e prodotti Amazon, altra magagna che l’azienda dovrà verificare e correggere.

La pratica in questione sembra estremamente radicata nella branca cinese del colosso del web dove vediamo una crescita incredibile del settore dell’e-commerce, basti pensare al miracolo di Ali Baba. Allo stesso tempo sarebbero i salari molto bassi ad aver portato i dipendenti Amazon ad arrotondare con la vendita di dati e effettuando servizi illegali per le aziende competitor.

Tutto questo naturalmente è una violazione totale del contratto e del codice di Amazon che spiega attraverso un portavoce: “La violazione del nostro codice comporta sanzioni legali e penali, compreso il licenziamento”.

Torna però il problema della sicurezza dei nostri dati, e si dimostra a questo punto, la totale incapacità dei colossi del web di garantire la sicurezza delle informazioni riservate che ricevono.

Una problematica che farà molto parlare e che è ormai oggi uno dei principali talloni d’Achille del web e dei colossi informatici, apparentemente sicuri ma in realtà pieni di falle e debolezze strutturali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here