Mese: gennaio 2017

Open data nella pubblica amministrazione

Uno degli aspetti della filosofia alla base dell’open content, quindi anche dell’open data, è la convinzione secondo la quale i dati che la pubblica amministrazione e le istituzioni ottengono e utilizzano debbano essere pubblici, in quanto finanziati con denaro pubblico. In alcuni Paesi, le pubbliche amministrazioni si sono già dotate di un servizio atto ad offrire i suddetti dati all’utenza in maniera chiara e libera. Possiamo considerare quali esempi virtuosi gli Stati Uniti, il Canada e, in Europa, il Regno Unito. Ciò è derivato dal fatto che questi Paesi hanno cominciato per primi ciò che gli altri Paesi, europei...

Continua a leggere

L’obsolescenza programmata: leggenda o realtà?

Nel terzo millennio la tecnologia ha raggiunto livelli prima inimmaginabili. Viviamo la nostra vita circondati da dispositivi tecnologici, che automatizzano un numero sempre maggiore di azioni che prima dovevamo svolgere manualmente. Col cellulare non parliamo quasi più, ma parliamo al cellulare: gli diamo comandi vocali, gli chiediamo cose e ne ascoltiamo le risposte. Diamo comandi vocali persino alla nostra auto. Dall’altro lato, la tecnologia ci aiuta a ricordarci degli impegni, della lista della spesa, ci aiuta a fare esercizio fisico e aumenta la nostra produttività nel lavoro. Tutto questo, per dire che effettivamente non possiamo fare a meno di...

Continua a leggere

La parte nascosta di Internet: il deep web

In quest’epoca abbiamo poche certezze: la nostra esistenza, il giorno e la notte, le quattro stagioni e il fatto che se cerchi qualcosa su Google, trovi tutto quello che puoi trovare su quell’argomento. E se ti dicessi che non è così? Non fraintendere, i primi tre esempi sono corretti, l’ultimo no. Sai quanti documenti (intesi come pagine web e ogni genere di file indicizzabile) Google ha catalogato? Due miliardi. Sai quanti documenti, si stima, siano su Internet? 550 miliardi. Sì, in pratica Google indicizza meno dello 0,5% del materiale disponibile online. E gli altri motori di ricerca non fanno...

Continua a leggere

Il software libero e i suoi vantaggi

Gran parte dell’innovazione tecnologica, oggi, si basa sullo sviluppo di software sempre più moderni, in grado di assolvere a funzioni sempre più complesse e di svolgere attività per le quali prima erano necessarie abilità e conoscenze che non erano alla portata di tutti. Proprio per la sua natura, pensiamo che i software siano una componente fondamentale per il progresso della scienza e dell’umanità e, per la filosofia che caratterizza l’open content e quindi anche gli open data, siamo del parere che anche i software dovrebbero essere liberi e gratuiti. Ciò che si propone di realizzare il movimento open source...

Continua a leggere

Cosa sono gli open data

In questo primo articolo vogliamo partire da zero. Intendiamo spiegare cosa intendiamo per open data, qual è la filosofia che sta alla base di questo progetto e come gli open data possono migliorare la qualità della vita di tutti. Partiamo da una constatazione: l’innovazione tecnologica è alla base di tutte le scoperte e le invenzioni di qualsiasi campo dell’abilità umana, dalla medicina alla metalmeccanica, e in tutti i settori, dall’ambiente alla pubblica amministrazione. Sappiamo che senza ricerca non c’è innovazione tecnologica e sappiamo che la ricerca ha dei costi che, oggi come oggi, un numero sempre più esiguo di...

Continua a leggere