CONDIVIDI

L’allarme sicurezza arriva direttamente da Microsoft.

In realtà, la presa di posizione non è diretta, ma conseguenza della pubblicazione di una nota interne dove, il colosso di Redmond, azienda che ha praticamente inventato il mondo informatico moderno, vieta ai suoi dipendenti l’utilizzo aziendale di Google Docs, Slack, GitHub e AWS.

Secondo Microsoft, le app e i servizi citati hanno forti carenze di sicurezza e potrebbero esporre le informazioni riservate di Microsoft a sguardi indesiderati.

Nel particolare sembra che i proprietari della piattaforma possano controllare cosa avviene su determinati documenti, allo stesso modo si parla di scarsi standard di sicurezza e rischio di leak e attacchi hacker.

“Slack Free, Slack Standard e Slack Plus non assicurano i controlli richiesti per proteggere le proprietà intellettuali Microsoft. Gli utenti di queste soluzioni dovrebbero migrare i dati delle chat e i file relativi al business Microsoft presso Microsoft Teams, che offre le stesse caratteristiche e le app Office 365 integrate, con funzionalità di chiamata e meeting”. A quanto pare, invece, “Slack Enterprise Grid rispetta i requisiti di sicurezza di Microsoft, ma incoraggiamo comunque l’utilizzo di Microsoft Teams invece di un software concorrente”.

Secondo Microsoft anche la celebre Grammarly permetterebbe accessi non autorizzati ai file analizzati.

Una situazione davvero particolare quella che si è venuta a creare e che potrebbe avere conseguenze, anche gravi sul futuro delle piattaforme descritte.

L’uso business di Google Docs e altri servizi potrebbe vedere delle variazioni, in particolare di fronte alla scoperta di Microsoft che ha involontariamente messo a nudo a alcune caratteristiche poco trasparenti delle piattaforma descritte.

La nota di Redmond ha già fatto il giro del web, ed è molto probabile che seguano chiarimenti e possibili aggiornamenti di sicurezza, proprio da parte dei diretti interessati.

Niente di grave per gli utenti medi, ma se trattate materiale privato e file con segreto aziendale, allora fareste bene a seguire i consigli della società di Bill Gates.


Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here